INFORMATIVA

Il sito usa cookie per offrire un servizio migliore. Proseguendo la navigazione accetti di riceverli. Per saperne di piu'

PROTEZIONE DELLE LINEE DI TELECOMUNICAZIONE


 Si comunica che far data dal 26 giugno 2013 l'importo della marca da bollo è passato a 16,00 Euro (anziché 14,62 Euro).

Il Codice delle Comunicazioni Elettroniche (D.LGS. 259/2003 G.U. 15.09.2003) prevede  all’art. 95 che nessuna conduttura di energia elettrica, anche se subacquea, a qualunque uso destinata, può essere costruita, modificata o spostata senza che sul relativo progetto si sia preventivamente ottenuto il nulla osta del Ministero ai sensi delle norme che regolano la materia della trasmissione e distribuzione della energia elettrica. Il medesimo articolo prevede anche che nessuna tubazione  metallica sotterrata, a qualunque uso destinata, può essere costruita,modificata o spostata senza che sul relativo progetto sia stato preventivamente ottenuto il nulla osta del Ministero
La competenza relativa al rilascio dei Nulla Osta è stata attribuita agli Ispettorati Territoriali delle Comunicazioni (per elettrodotti o tubazioni da realizzare nella regione Emilia-Romagna, all’Ispettorato Territoriale Emilia-Romagna con sede in Bologna).
Ai sensi dell’art. 95, comma 2) bis, del D.Lgs 259/2003 per le condutture aeree o sotterranee di energia elettrica di cui al comma 2), lettera a), realizzati in cavi cordati ad elica, il nulla osta è sostituito da una attestazione di conformità del gestore.
Si informa che la violazione dell’art. 95 è sanzionata dagli articoli 97 e  98 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche.
Di seguito si riportano i file relativi al modello di domanda e alla documentazione da allegare per le diverse tipologie di elettrodotti o tubazioni metalliche interrate.
 
 
Versamenti:
Il D.M. 15 febbraio 2006 ‘Individuazione delle prestazioni, eseguite dal Ministero delle Comunicazioni per conto terzi, ai sensi dell’art. 6 del D.Lgs 30 dicembre 2003 n. 366’, ed in particolare l’art. 2), prevede l’applicazione di compensi per le attività di istruttoria nonchè di vigilanza e controllo riguardanti gli impianti e le condutture di energia elettrica.
Trattandosi di oneri che devono essere commisurati ai tempi di istruttoria e/o vigilanza e controllo i quali non sono preventivabili, è richiesto un versamento, a titolo di acconto per le spese di istruttoria, salvo conguaglio,come segue:
  • impianti realizzati in bassa e/o media tensione: euro 140,00;
  • impianti realizzati in alta tensione: euro 336,00;
  • richiesta di voltura a seguito di cessione dell’impianto: euro 84,00;
Alla domanda dovrà essere allegata copia della ricevuta del versamento di acconto per le spese di istruttoria.
Si precisa che la richiesta di pagamento del saldo delle spese di istruttoria sarà effettuata a conclusione del procedimento amministrativo mentre gli oneri relativi ad eventuale sopralluogo tecnico saranno richiesti a conclusione dell’attività di vigilanza e controllo.

I versamenti dovranno essere effettuati su c/c postale  N. 71935720 intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato - Sezione di Viterbo (Codice IBAN: IT92E 07601 14500 000071935720). Causale: “istruttoria rilascio nulla osta e/o verifica realizzazione elettrodotti, con accredito sul Capo 18, Capitolo 2569, art. 03 del Bilancio dello Stato indicando nella causale l’impianto da realizzare.
 
MODULISTICA:
 
  • Domanda di Nulla Osta alla costruzione di condutture elettriche o metalliche
MODULO
  • Dichiarazione di esecuzione nel rispetto delle norme  - nel caso di assenza interferenze TLC
MODULO
  • Dichiarazione di esecuzione nel rispetto delle norme  - nel caso di presenza interferenze TLC
MODULO
  • Domanda di voltura
MODULO
  • Atto di sottomissione
MODULO
  • Dichiarazione sostitutiva di atto notorio per presenza/assenza di interferenza con linee di telecomunicazione
MODULO
  • Dichiarazione di impegno per elettrodotti di 3 classe
MODULO
  • Attestazione conformità per cavi cordati ad elica ex art. 95 comma 2 bis D.Lgs 259/03
MODULO